Vai al contenuto principale Vai alla navigazione principale Vai alla navigazione secondaria

Dichiarazioni sostitutive di certificazione
Un servizio dei comuni dell'Alto Adige

Vai al servizio online

Descrizione generale

Nei rapporti con la pubblica amministrazione e i gestori di pubblici servizi il cittadino può produrre una semplice dichiarazione al posto della corrispondente certificazione. La dichiarazione sostitutiva di certificazione ha la stessa validità del certificato o dell'atto che sostituisce.

La dichiarazione sostitutiva deve essere accettata dal dipendente addetto. Un eventuale rifiuto costituisce violazione dei doveri d'ufficio. La firma sulla dichiarazione sostitutiva di certificazione non deve essere autenticata e non è soggetta ad imposta di bollo.

La dichiarazione sostitutiva può essere utilizzata da tutti i cittadini, da cittadini dell'Unione Europea e da cittadini extracomunitari, purché con regolare permesso di soggiorno e limitatamente ai casi in cui si tratti di comprovare fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani. Le dichiarazioni sostitutive per minori o interdetti sono resi dai genitori o dal tutore.

I seguenti dati possono essere certificati con dichiarazione sostitutiva:

  • data e il luogo di nascita;
  • residenza;
  • cittadinanza;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
  • stato di famiglia;
  • esistenza in vita;
  • nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;
  • iscrizione in albi, in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
  • appartenenza a ordini professionali;
  • titolo di studio, esami sostenuti;
  • qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
  • situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefìci di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
  • assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
  • possesso e numero del codice fiscale, della partita I.V.A. e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;
  • stato di disoccupazione;
  • qualità di pensionato e categoria di pensione;
  • qualità di studente;
  • qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
  • iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
  • tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
  • di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di sicurezza e di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa,
  • di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
  • di non essere l'ente destinatario di provvedimenti giudiziari che applicano le sanzioni amministrative di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231;
  • qualità di vivenza a carico;
  • tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile;
  • di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

La dichiarazione sostitutiva di certificazione non è invece possibile per:

  • certificati medici, sanitari e veterinari
  • marchi e brevetti
  • certificati di origine
  • certificati di conformità CEE.

L'uso delle dichiarazioni sostitutive è ammessa nei rapporti con imprese e persone private se questi lo consentono.

Presupposti d'accesso

Per cittadini extracomunitari: regolare permesso di soggiorno e solamente per i casi in cui si tratti di comprovare fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani.

Scadenze

Nessuna.

Documenti richiesti

Carta di Identità o altro documento di riconoscimento.

Costi

Nessuno.

Normativa

Articolo 46 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Ente competente

Città di Vipiteno
Città di Vipiteno

Unità organizzativa competente

Città di Vipiteno

Indirizzo

Città Nuova 21, 39049 Vipiteno

Telefono

0472 72 37 00

Fax

0472 72 37 09

E-mail

info@vipiteno.eu

PEC

sterzing.vipiteno@legalmail.it

Website

http://www.vipiteno.eu

(Ultimo aggiornamento: 03/07/2013)